10954759_10153030022084890_871527985_n

“VOUS N’ETES PAS A LA MAISON!” spettacolo di teatro sociale

10947569_10153030023134890_2122206084_n

“VOUS N’ETES PAS A LA MAISON!”

Spettacolo di Teatro Sociale e di Teatro Forum in cui Paolo Cassano, Sara Riontino, Valentina Petracca, Emanuela Greco, Mary Marchesani, Delia Di Rita, Stefano Dragano, Luca PompilioAngelo Pio Ritrovato, Maurizio Fiordelisi dopo un laboratorio teatrale sulla tematica della Shoah (percorso psicologico, psicanalitico, filosofico e teatrale della durata di 20 giorni complessivi) hanno messo su, attraverso l’improvvisazione teatrale, delle micro-scene inerenti a scorci di vita di “ordinaria follia” nei giorni tristi dell’Olocausto. Al termine di ogni scena il JOLLY(figura propria del Td’O) e regista Christian Palladino ha tratteggiato con cenni storici il periodo in questione.
I SCENA: (in via Pirgiano) Arresto di un tedesco ACCUSATO di essere omosessuale da parte delle SS e deportazione del pubblico all’interno dell’Auditorium ex Chiesa Santa Maria Maddalena con Luca Pompilio, Angelo Pio Ritrovato, Sefano Dragano; II SCENA: (Alcune frasi tratte da Kaputt di Curzio Malaparte) Cena di Carnevale in casa di un Generale nazista con Valentina Petracca e Maurizio Fiordelisi; III SCENA Tentativo di stupro da parte di un Kapò nei confronti di una ragazza ebrea appena catturata con Paolo Cassano e Delia Di Rita; IV SCENA Due ragazze all’interno di una camera gas con Mary Marchesani ed Emanuela Greco ULTIMA SCENA Commovente “pre-“scena finale in cui su le note di “La Costruzione di un amore” di Ivano Fossati tutti gli attori con la sola azione scenica hanno riproposto il momento del pranzo, in fila verso la misera zuppa. Durante la “processione” verso il pentolone piccole scene d’amore e d’affetto tra i prigionieri, i quali prima di essere fucilati depongono la propria testimonianza attraverso delle lettere (vere) in un cesto, distribuite a tutto il pubblico da Sara Riontino. Sulle note di “Gam Gam” la vera scena finale: gli Haftilng rinascono; il generale e le due SS si inginocchiano e depongono le armi. Uno spettacolo Itinerante in cui il gruppo degli spettatori è stato guidato in diversi luoghi nei quali era allestita una singola scena. Interessante l’intervento del pubblico in alcune scene in cui attraverso una piccola discussione (Teatro Forum) alcuni partecipanti hanno materializzato le proprie idee attraverso un’improvvisazione teatrale.

OSKENE’-Oltre la Scena non si ferma qui. E’ già in programma un Laboratorio Teatrale sulla Immigrazione in aprile con Iscrizione aperta a tutti. A breve i dettagli. Si consiglia, prima, di seguire il corso di Dizione in programma il 3 febbraio. Grazie a tutti!




Categorie News